logo class  
  24 JULY 2014 | Skip Navigation LinksHOME > La Guida delle Guide dei 1200 Ristoranti migliori d'Italia
  LA GUIDA DELLE GUIDE DEI 1200 RISTORANTI MIGLIORI D'ITALIA
logo class
I 1200 RISTORANTI MIGLIORI D'ITALIA

In questo momento la cucina italiana gode nel mondo di favore e prestigio. Sono dovuti, certo, all’eccellenza delle materie prime, che non per niente riscuotono crescente successo all’export, ma anche alla creatività di una ristorazione che riesce ogni giorno a innovare senza tradire la tradizione. Sono evidenti le analogie con la fase storica attraversata dalla cucina francese 50 anni fa. Però è impensabile che qualcuno possa scrivere oggi per la cucina italiana quel che nel 1963 Gault e Millau scrissero nello storico articolo «Vive la Nouvelle Cuisine française!», condensando in un decalogo i principi ispiratori di quel movimento che segnò la storia della gastronomia.
La graduatoria dei migliori ristoranti italiani che compare in queste pagine, compilata mettendo a confronto i giudizi delle quattro più autorevoli guide gastronomiche, Michelin, Gambero Rosso, l’Espresso, Touring Club, e riassumendoli in un voto di Class, testimonia che nella Penisola non esiste attualmente una nuova cucina, ne esistono tante. Basta pensare a quanto siano differenti, fra le prime dieci classificate, quella del Pescatore di Canneto sull’Oglio e quella del Combal. zero di Rivoli, per rendersi conto che i loro chef, Nadia Santini e Davide Scabin, non sarebbero disponibili a seguire gli stessi comandamenti. Però cucinano entrambi dei piatti da inginocchiarsi, e questo è il fascino dell’alta ristorazione italiana, che è in grado di soddisfare le esigenze più contraddittorie sempre a un buon livello, talvolta arrivando all’eccellenza. E in questa anarchia individualista, che allo stesso tempo è la sua forza e la sua debolezza, non è difficile scorgere l’influenza che ha avuto su di essa quell’indimenticato maestro che fu Luigi Veronelli. Probabilmente è proprio grazie a questa energia individualista che la maggior parte dei locali, pur essendo per la classe del loro servizio piuttosto costosi, è riuscita a superare anche i momenti peggiori della crisi.
A dispetto della quale la situazione ha continuato a evolversi anche l’anno scorso: l’Osteria Francescana di Modena ha conquistato il vertice della classifica al termine di una irresistibile ascesa che ha imposto il suo chef, Massimo Bottura, come uno dei personaggi più carismatici. Il suo successo ha ovviamente provocato mutamenti a catena nelle prime dieci posizioni della graduatoria. Però il fatto più significativo è che in questa pattuglia di vertice siano entrati due locali importanti per motivi diversi: Piazza Duomo di Alba, che è di proprietà di due vignaioli, i fratelli Bruno e Marcello Ceretto, di cui il cuoco, Enrico Crippa, è socio d’opera, e il Reale di Rivisondoli, che grazie allo chef Niko Romito è diventato il simbolo delle potenzialità di una terra sfortunata ma indomita come l’Abruzzo.

(Cesare Pillon)

 
 
  Ricerca / Search   
Ristoranti
Citta'
Provincia
Regione
Tipo Locale  
AffariEleganteInformale
OsteriaRomantico
Tipologia  
ClassicoCreativoGiapponese
PesceRegionaleVegetariana
Esotica
   
 Ricerca sulla mappa
 
2013 © Class Editori Spa. - PARTITA IVA: 08114020152 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer